Aeroporto di Comiso (CIY)

L’aeroporto di Comiso (codice IATA CIY), recentemente reintitolato al politico e sindacalista Pio La Torre, dista soli 5 km dal comune di Comiso e 15 km da Ragusa, il capoluogo di provincia. La presenza dell’aeroporto in quest’area facilita l’accesso ad una zona di elevato valore paesaggistico, culturale e artistico. Ragusa è infatti una delle province siciliane più belle e più visitate dai turisti di tutto il mondo, riconosciuta ormai dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità. L’archeologia greca del Museo di Kamarina e le architetture barocche delle chiese e dei palazzi nobiliari ragusani fanno di questa città una fonte inesauribile di cultura e turismo. L’aeroporto di Comiso è in uso complementare a quello di Catania, l’Aeroporto Fontanarossa, poiché la gara per la gestione dell’aerostazione è stata vinta dalla stessa società che cura lo scalo catanese. Attualmente si trova in fase di riconversione da aeroporto militare a civile. Si prevede che verrà usato sia per voli di linea che charter e low cost.
apri

10.06.2014  Pio La Torre è tornato a Comiso

Dopo la cancellazione del suo nome avvenuta circa sei anni fa ad opera di un sindaco del centrodestra, sabato 7 giugno, alla presenza del presidente del Senato Pietro Grasso e del ministro della Giustizia Andrea Orlando, l’aeroporto di Comiso (Ragusa) è stato reintitolato al coraggioso sindacalista e politico palermitano ucciso dalla mafia. È una di quelle notizie che simbolicamente ridà speranza nel futuro. Quello che sempre e comunque non dovrebbe mai dimenticare né far dimenticare gli uomini migliori. Sabato 7 giugno 2014, alla presenza del presidente del Senato Pietro Grasso e del ministro della Giustizia Andrea Orlando, nella targa nominativa dell’aeroporto di Comiso è stato “riscritto” il nome di Pio La Torre, sindacalista e segretario del Pci siciliano trucidato dalla mafia a Palermo la mattina del 30 aprile 1982 mentre assieme a Rosario Di Salvo si recavano nella sede del partito. A beneficio dei più giovani e per definire la statura morale della persona di cui si parla sarà sufficiente dire che Enrico Berlinguer lo volle accanto a sé durante tutta la sua esperienza politica romana. Pio La Torre pagò con la vita la lotta alla mafia e ai loro beni, identificando nella “confisca” uno degli strumenti più validi per metterla in ginocchio. Porta il suo nome (e di Rognoni) la legge del 13 settembre 1982 che, prima in Italia, introdusse nella legislazione penale il reato di “associazione mafiosa”. No ai Missili Nato in Sicilia Con la reintitolazione a Pio La Torre si chiude così una pagina buia della storia dell’aeroporto siciliano tra l’altro qualche anno fa già al centro di attenzioni delle Fiamme Gialle e della Corte dei conti di Palermo per far luce sui milioni di euro spesi per la realizzazione del terminal. Una ferita aperta nell’agosto del 2008 dal precedente sindaco (centrodestra) della città iblea che depennò in nome di un sondaggio “personale” fra i cittadini la titolazione del terminal siciliano al sindacalista sancita il 30 aprile 2007 (a 25 anni esatti dal suo assassinio) per ripristinare quella del generale Vincenzo Magliocco, “eroe” colonialista dell’era Mussolini deceduto in Etiopia. Una decisione contro cui per anni si sono battute varie associazioni di cittadini con manifestazioni e raccolte di firme (l’ultima lista ne comprendeva 35.000) che alla fine sono state premiate riportando così il nome di Pio La Torre lì dove era stato divelto, nei luoghi in cui il coraggioso sindacalista, dopo i diversi anni trascorsi a Roma come parlamentare del Pci, era tornato nel 1981 nelle vesti di segretario regionale del partito per ingaggiare un’altra delle sue grandi battaglie politiche contro l’installazione dei missili Nato a Comiso ritenendoli una minaccia per la pace nel Mediterraneo e per la stessa Sicilia raccogliendo un milione di firme in una petizione poi presentata al Governo. Il libretto rosso di Mao Tse-tung La cancellazione del nome di Pio La Torre dall’aeroporto è stato un oltraggio durato all’incirca sei anni, tanto da far dire al presidente Grasso al momento della re-intitolazione: “Pio La Torre era prima di tutto un siciliano e io come siciliano ho vissuto con rammarico tutta la vicenda. E’ stato contestato il fatto che fosse un politico: ne avessimo oggi di politici così”. Parole dal profondo Sud lanciate come messaggio ai tanti giovani che vogliono intraprendere la strada tortuosa ma affascinante della politica ma anche a monito verso chi ancora pensa che basta rimuovere un nome per cancellare la storia. E quella di Pio La Torre e del sindaco che lo cancellò dall’epigrafe aeroportuale è una storia che non ha confini. La si legge perfino nel libretto rosso di Mao Tse-tung: “Solo gli stupidi sollevano pietre che poi ricadono sulla loro testa”. più

05.02.2014  Ryanair, il D-day del generale O’ Leary

Cospicui investimenti nel sud Italia della irlandese Ryanair che invia il suo amministratore delegato Michael O’ Leary per incrementare rotte e passeggeri negli scali calabro-siciliani. Assunzioni in vista per migliaia di hostess e steward. In Sicilia mister Michael O’Leary, amministratore delegato della Ryanair, è sbarcato la settimana scorsa, nei giorni della merla. Osannato quanto e forse più del generale (d’acciaio) Patton al comando degli americani approdati nell’isola nella seconda guerra mondiale. Nella borsa di mister O’Leary piani di sviluppo, investimenti per centinaia di milioni per tutti e quattro gli scali siciliani e l’annuncio di 11 nuove rotte dagli aeroporti di Catania-Fontanarossa e Comiso Magliocco. A conferma dell’obiettivo della più grande compagnia low-cost europea di raggiungere nell’Isola del Sole i 5 milioni di passeggeri l’anno con nuove rotte che nei prossimi mesi potrebbero veder coinvolte Francia, Olanda e Germania. Un “traffico aereo” che Paolo Bonacelli (l’avvocato-zio di Nicoletta Braschi nel film “Johnny Stecchino”) definirebbe la “quarta piaga” di Palermo dopo l’Etna, la siccità e il “traffico automobilistico”. Un impegno severo, quello della compagnia irlandese, che prevede altresì l’assunzione di migliaia di steward e hostess il cui primo “recruiting-day” si terrà domani. Inquietante, fra i requisiti richiesti ai candidati, la “capacità natatoria”. Meglio non pensarci: qui si tratta di bere o di affogare. Nuove rotte Queste comunque le nuove rotte. Aeroporto di Catania-Fontanarossa: Bologna (due voli al giorno), Eindhoven (sei voli settimanali), Madrid (quattro voli settimanali), Marsiglia (quattro voli settimanali), Roma (Fiumicino, 10 giornalieri), Torino (due giornalieri), Venezia (Treviso, due giornalieri). Aeroporto di Comiso: Dublino (4 voli settimanali), Francoforte (4 voli settimanali), Kaunas (4 voli settimanali), Pisa (8 voli settimanali). Lamezia Terme Ma ce n’è anche per la Calabria dove mister O’Leary-Rayn Man, (l’uomo degli investimenti a pioggia) ha inaugurato la nuova base Ryanair annunciando 90 milioni di investimenti per l’aeroporto di Lamezia Terme e due nuove rotte domestiche in Italia (che saliranno quindi a cinque) con numerosi voli giornalieri per Roma (Fiumicino) e Venezia (Treviso). Sarà contento Antonio Albanese alias Cetto La Qualunque che dal suo palco elettorale dopo i “pilu” potrà annunciare “chiù voli pi tutti”. Il grido di battaglia Un lancio in grande stile degli irlandesi dunque, accompagnato in tutti gli aeroporti dal grido di battaglia lanciato dal suo manager alla compagnia di bandiera: “I consumatori e i visitatori italiani possono abbandonare le tariffe alte di Alitalia e risparmiare oltre 127 milioni di euro all’anno passando alle tariffe basse di Ryanair e alla puntualità e al servizio clienti leader di settore”. Un guanto di sfida lanciato all’Alitalia a Roma ma che, alla luce delle ultime notizie, potrebbe essere raccolto dalla Etihad ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi. più

Offerte per l'aeroporto Comiso

Attualmente non ci sono offerte per questo volo.
Per ricercare il tuo volo, inserisci più dati nel motore di ricerca che vedi più in alto.

Mappa

Compagnie aeree verso l'aeroporto Comiso

Compagnie aeree
Gli utenti hanno cercato
Gli utenti hanno cercato anche...
  • Aeroporto di Comiso „Vincenzo Magliocco“
  • Aeroporto di Comiso
  • Ragusa
  • Comiso
  • Ragusa Airport
  • Aeroporto Pio La Torre

Copyright © 2014 volo24.it - Tutti i diritti riservati

Home | Voli | Compagnie aeree | Voli economici | Aeroporti | Biglietti aerei